Biografia

liga.jpg

Gli Inizi:

Luciano Ligabue nasce a Correggio (Reggio Emilia) il 13 marzo 1960. Dopo i primi lavori dal metalmeccanico al ragioniere nel 1987 assieme agli Orazero comincia ad esibirsi in concorsi provinciali e nazionali e festival locali. Una di queste esibizioni è facilmente reperibile sul web. Nel 1988 che Ligabue vince il concorso “Terremoto Rock“, grazie al quale  inciderà assieme agli Orazero il 45 giri “Anime in Plexiglass/Bar Mario” divenendo di fatto la prima vera incisione di Luciano. Successivamente sempre insieme agli Orazero, registra il brano “El Gringo” poi incluso  in una compilation  regionale .

PRIMO TEMPO

L’incontro con Bertoli ed il primo album

I primi passi a livello nazionale avvengono grazie all’incontro con il cantautore Pierangelo Bertoli che prima include il brano “Sogni di Rock’n’Roll” nell’album “Tra me e Me” (1988) e successivamente “Figlio di un Cane” in “Sedia Elettrica“(1989). Grazie sempre a Pierangelo Bertoli, Luciano incontra il produttore Angelo Carrara, con l’obiettivo di registrare finalmente il primo album. In cerca di una band, Ligabue assiste al concerto dei Pekino, convincendo i componenti ad unirsi a lui. I componenti dei Pekino sono: Max Cottafavi (chitarrista), Gigi Cavalli Cocchi (batterista). Successivamente si aggiunge il bassista Luciano Ghezzi. I tre formano i “ClanDestino” anche se il nome diverrà effettivo solo qualche anno dopo. Le registrazioni del primo album omonimo iniziano tra il dicembre del 1989 e si concludono nel Gennaio del 1990 allo Studio Psycho. La data di uscita è fissata per l’11 maggio dello stesso anno. Il primo singolo estratto è “Balliamo sul mondo“, con il quale vincerà il “disco verde” al Festivalbar come miglior cantante emergente.

Altri singoli estratti sono Non è Tempo Per Noi/Figlio Di Un Cane (live remix) e “Marlon Brando è sempre Lui”. Il disco vende all’epoca oltre 100 mila copie.

Il secondo album, la separazione dai ClanDestino

ligabue93.jpgDopo aver girato tutta l’Italia, il 2 maggio 1991 Luciano e i ClanDestino entrano in studio al “Medicina Blanche” di Modena e vi ci restano fino al 27, giorno in cui vengono completate le registrazioni di “Lambrusco, Coltelli, Rose & Pop Corn ” secondo album di Luciano Ligabue, che uscirà nel settembre del 1991. Dal disco vengono estratti “Libera Nos a Malo“, “Lambrusco & Pop Corn/Sarà un bel souvenir” e la storica “Urlando Contro Il cielo“.  Dal tour viene estratta la vhs “Lambrusco, Coltelli, Rose & Pop Corn” poi ristampata in dvd nel 2003. L’album conferma un discreto successo per Luciano che sempre nello stesso anno partecipa al “Montreux Jazz Festival” ed incide per il Club Tenco il brano “Variazioni su temi zigani” omaggio al poeta e cantautore russo Vladimir Vysotskij. Dal 12 ottobre al 12 Dicembre, Ligabue e i ClanDestino ritornano nello Studio Medicina Blanche per registrare il seguito di “Lambrusco, Coltelli, Rose & Pop Corn” . Il 23 gennaio 1993 viene pubblicato il disco “Sopravvissuti e Sopravviventiche all’epoca venne accolto freddamente dal pubblico e critica, verrà riscoperto solo qualche anno dopo, nonostante la presenza di brani come:  “Walter il mago” e “Ho Messo Via” . Il poco successo riscontrato dall’album causa a Luciano un periodo decisamente “critico” e rompe i rapporti con il produttore Angelo Carrara e i ClanDestino. Tra il 1993 e il 1994 fonda insieme a Valerio Soave l’etichetta discografia indipendente “Mescal” tuttora una delle più attive. L’intento principale della Mescal è quello di valorizzare nuovi talenti sconosciuti ed ignorati dal mercato italiano. Ma Luciano rimane al timone solo per un anno infatti nel 1995 si dimette perchè pesantemente criticato dai giornalisti che lo accusano di “sfruttare” e guadagnare su degli artisti giovani e sconosciuti. Ma torniamo indietro.  Nel 1994 dopo aver assistito al discorso “iniziale” della prima legislatura di Silvio Berlusconi scrive il pezzo “A che ora è la fine del mondo?” cover di “It’s the end of the world as we know it (and I feel fine)” dei R.E.M. dove si avvale in sala di registrazione di turnisti di altissimo livello come Andrea Braido (chitarra) Lele Melotti (Batteria) Davide Romani (Basso)  collaboratori di altri importanti artisti Italiani. Il resto dell’album invece viene formulato in maniera veloce inserendo pezzi scritti negli anni precedenti il tutto perchè il Liga ha necessità di far ascoltare il prima possibile la title-track. Da notare nel disco la partecipazione degli allora sconosciuti “Negrita” nel brano “L’han detto anche gli Stones“.  Luciano usa definire quest’album come “schegge sparse” ma nonostante tutto ottiene un buon successo di vendite.

La consacrazione definitiva.

liga95.jpgLuciano Ligabue, insieme alla sua nuova band (“La Banda“) entra in studio di registrazione all’ Esagono di Rubiera il 15 maggio 1995 fino al 29 luglio dello stesso anno. Verrà fuori l’album in studio più famoso e venduto di Luciano Ligabue dal titolo “Buon compleanno Elvis” uscito nel settembre dello stesso anno. Il successo è strepitoso, sfonda il milione di copie, vengono estratti addirittura 7 singoli e 4 video su 14 brani(di cui uno strumentale). E’ la consacrazione attesa! Segue un tour affollatissimo. L’album viene premiato con il disco di platino europeo (IFPI) e vince tre premi al “Premio Italiano della musica PIM“. Sempre nello stesso anno si esibisce con Luciano Pavarotti, al Pavarotti & Friends, eseguendo insieme al tenore “Certe Notti“. Nello stesso anno si esibisce nuovamente al “Montreux Jazz Festival“con ospite alla chitarra Mick Taylor,ex Rolling Stones. Esce sempre nel 1995 “Tributo ad Augusto” , disco tributo ad Augusto Daolio , leader dei Nomadi. Luciano  interpreta “Dio è morto“. Nel 1997 Ligabue ritorna in “auge” facendo la sua prima tournèe negli stadi con doppie date allo “Stadio San Siro” di Milano e allo “Stadio Olimpico” di Roma. Nello stesso anno esce il doppio live “Su e giù da un palco” registrato nel giugno del 1996 contenente tre inediti , “Tra palco e realtà“, “Il giorno di dolore che uno ha” (dedicata a Stefano Ronzani,  amico-giornalista scomparso) ed infine “Ultimo tango a Memphis” (cover di “Suspicious Minds” di Elvis Presley). Anche quest’ultimo disco live supera il milione di copie e nel maggio 2006 diviene il live italiano più venduto di sempre. Sempre nel 1997 scrive il libro “Dentro e Fuori Dal Borgo” ottenendo anch’ esso un ottimo successo di pubblico e critica.

Secondo Tempo

Ligabue in veste inedita di regista

ligas.jpgNel 1998 Luciano Ligabue spiazza  tutti, mettendosi dietro la macchina da presa e  gira il film Radiofreccia” che riscuote un ottimo successo di pubblico e critica tanto da aggiudicarsi ben 3 David Di Donatello (miglior regista esordiente, miglior attore protagonista (Stefano Accorsi) e miglior colonna sonora) due Nastri D’Argento, tre Ciak D’Oro ed infine un Globo D’Oro. Nel frattempo viene pubblicato l’album -colonna sonora “Radiofreccia” che contiene pezzi molto conosciuti come “Metti in circolo il tuo amore” (re-interpretata anche da Fiorella Mannoia) e “Ho perso le parole” . Il disco viene pubblicato in due versioni : 1 Cd (contenente solo i pezzi di Luciano scritti per il film) e in doppio cd (con il secondo contenente canzoni raccolte di altri artisti da David Bowie a Iggy Pop – presenti nel film-). Nel 1999 Luciano porta avanti un progetto insieme ad altri due famosi artisti italiani Piero Pelù (appena separato dai Litfiba) e Lorenzo Jovanotti con i quali compone il pezzo “Il mio nome è mai più” , una sorta di inno pacifista. Il derivato del singolo va in beneficenza. Nel settembre del 1999 esce “Miss Mondo” escludendo il precedente “Radiofreccia” arriva a 4 anni da “Buon Compleanno Elvis“. Il disco contiene diversi singoli di successo: “Una vita da Mediano“, “L’odore del sesso” , “Almeno Credo“.  Nel disco si può notare come Luciano ormai abbia abbondonato lo scrivere “storie” ma piuttosto si concentra sulla “maturità della persona” con testi “intimi e riflessivi“. Sempre nello stesso anno si esibisce a Dublino per gli Mtv Europe Music Awards con il brano “L’odore del sesso“.

Arriva il nuovo millennio

iligaup1.jpgNel 2000 Luciano collabora con Francesco Guccini scrivendo il pezzo “Ho Ancora la forza” inserito nell’album “Stagioni” di quest’ultimo. Anche Luciano ha interpretato il pezzo in versione acustica per un disco esclusivo per il fans club che contiene tra le altre “Miss Mondo 99” e “Non fa più male“.  Solo otto anni dopo il brano verrà pubblicato,  in “Secondo Tempo” con alcune variazioni del testo oltre agli arrangiamenti e musica. Il brano vince la Targa Tenco come miglior canzone dell’anno. Nello stesso anno riceve anche un telegatto come “Miglior interprete dell’anno“, il “Premio Lunezia” per il brano “L’odore del sesso” ed infine riceve anche il premio “Fatti di Musica” rassegna a cura di Ruggero Pegna che decreta il “miglior live dell’anno“. Dopo un periodo di stasi, nel 2002 Luciano ritorna in cabina di regia e dirige il suo secondo film “Da Zero a Dieci” che non ottiene lo stesso successo del precedente anche se viene selezionato per chiudere la “Semaine de la critique” al Festival di Cannes  e ottiene la candidatura ad un Nastro D’Argento. Nello stesso anno esce due mesi dopo (Aprile) l’album “Fuori Come Va?” accolto calorosamente dal pubblico .  Poco prima Luciano è stato segnato da un ‘ esperienza forte, la morte del padre. Infatti il brano “Tu che conosci il cielo” anche se scritta prima della morte del padre, l’esecuzione in studio è stata dedicata a lui. Grazie al singolo “Eri bellissima” vince il Festivalbar e porta a casa i seguenti premi : “miglior artista maschile, miglior album, miglior tour, durante l’edizione degli Italian Music Awards (FIMI). Nel 2003 parte “Ligabue in Teatro” che verrà immortalato nel disco live “Giro d’Italia“. Accanto a Luciano e la Banda si affiancano Mauro Pagani e Stefano Facchinelli in arte D. Rad degli Almamegretta purtroppo scomparso la notte tra il 31 ottobre e l’1 novembre 2004 a seguito di un incidente stradale a Milano. “Giro d’Italia” vince anche il “Premio Ciampi” come migliore album dell’anno. Il disco inoltre viene stampato in doppio cd e in triplo cd in versione limitata. Dopo la meritata pausa nel 2004, interrotta solo dalla pubblicazione del suo primo romanzo “La neve se ne frega” e dalla laurea honoris causa insignita dall’Università di Teramo in Editoria e Comunicazione Multimediale e Giornalismo, il 2005 si rimette in moto la “macchina” Ligabue entrando in studio di registrazione (Zoo Studio di Correggio). A differenza degli ultimi anni, decide di mettere da parte “La Banda” affidandosi ad altri musicisti come Niccolò Bossini (che successivamente entrerà a far parte stabilmente del “Gruppo“). Nonostante le registrazioni in corso, riesce a  partecipare il 2 luglio 2005 al Live 8 svoltosi al Circo Massimo di Roma. Nel frattempo viene  comunicata un’ unica data per celebrare i 15 anni di attività e l’arrivo del nuovo album, il 10 settembre 2005 al Campovolo di Reggio Emilia. Uno show decisamente “stratosferico” con ben 4 palchi (Main, Solo, Acustico, Vintage) Ligabue si esibisce per l’occasione con la storica band  “ClanDestino” (Palco Vintage) con Mauro Pagani (Palco Acustico), accompagnato  dalla sola chitarra (Palco Solo) mentre sul principale (main) si esibisce con “la Banda” . Il concerto – evento con oltre 180mila spettatori sigla il record europeo di “persone paganti per un concerto di un singolo artista” mentre diviene secondo a livello mondiale battuto dal solo Paul McCartney. Purtroppo non tutto  fila liscio, a causa di problemi audio migliaia di persone lasciarono anzitempo il concerto con cori di protesta. Luciano si scuserà il giorno dopo con una lettera pubblicata direttamente sul sito ufficiale. Nella stessa notte del concerto dei ladri entrano in casa Luciano ma dopo qualche giorno la refurtiva viene recuperata, da qui la frase nella lettera di scuse “il vero furto che ho subito è stato quando mi hanno detto che alcuni di voi non hanno potuto godere appieno lo show“.

Sei giorni più tardi esattamente il 16 settembre 2005 esce “Nome E Cognome” accolto molto bene dal pubblico con 250 mila copie  vendute nella prima settimana. Alcuni brani erano già stati presentati al concerto del Campovolo. Verranno estratti ben 6 singoli, l’ultimo dei quali (Sono qui per l’amore) scelto in base ad un sondaggio pubblicato sul sito ufficiale nonostante la vincitrice sia stata invece “E’ più forte di me“. Tra gli altri singoli da citare c’è “Happy Hour” con il quale Luciano vince il Festivalbar 2006,  “Lettera a G.” dedicata al cugino Gianni scomparso prematuramente.

Il tour “Nome e Cognome” inizia in Febbraio diviso in quattro parti : Club dove si esibisce con i ClanDestino, Palazzetti con “la banda”, Stadi con “la banda” e Clandestino ed infine nei Teatri con “La banda” e Mauro Pagani. A volte si aggiunge come ospite il pianista Giovanni Allevi. Il tutto viene immortalato in un cofanetto di ben 5 dvd!Altro evento da citare è stata l’esibizione con “Il Giorno dei Giorni” alla Cerimonia di apertura dei IX Giochi paralimpici invernali di Torino 2006 collegato in mondovisione. Il 3 ottobre esce “Lettere d’amore nel frigo” raccolta di 77 poesie. Sempre nello stesso anno scrive il brano “Gli Ostacoli Del Cuore” per Elisa con la quale duetta nella parte finale del brano che viene pubblicato il 20 ottobre 2006 nel “Greatest hits” della cantante triestina (primo singolo). Luciano firma anche la regia del video.

Nel 2007 tramite una conferenza stampa Luciano Ligabue annuncia il ritorno con (ElleSette) in tour con ben 7 concerti al DatchForum di Assago (Milano) e 7 concerti al Palalottomatica di Roma ed in più l’uscita del suo primo doppio best of diviso in “Primo Tempo” (periodo 1990-95) pubblicato il 16 novembre 2007 e “Secondo Tempo” (periodo 1997-2005), pubblicato nel 2008 con l’aggiunta di inediti : Niente Paura e Buonanotte all’ Italia in “Primo Tempo” mentre “Il centro del mondo” , “Il mio pensiero” “Ho ancora la Forza” quest’ ultima era già stata incisa da Francesco Guccini nell’album Stagioni (uscito nel 2000).

Nel 2008 viene annunciato l’European Tour che parte ad Aprile nelle maggiori città europee. E’ un periodo di cambiamenti nella band di supporto,   escono di scena Antonio”Rigo” Righetti e Robby “Sanchez” Pellati sostituiti rispettivamente da Kaveh Rastegar e Micheal Urbano per volere del neo produttore Corrado Rustici. Il 29 maggio esce il già citato “Secondo Tempo” e nell’estate inizia il tour Elle Elle Stadi 2008 con 7 date più una doppia a Milano. Nel settembre dello stesso anno si esibisce per ben 7 date all’Arena Di Verona insieme all’ Orchestra dell’Arena composta da circa 70 elementi diretti da Marco Sabiu. Il 17 ottobre esce “Io posso dire la mia sugli uomini” brano di Luciano cantato da Fiorella Mannoia primo singolo dell’album “Il movimento del dare“. Il 16 e 17 novembre si esibisce per beneficenza accompagnato dalla sola chitarra, rispettivamente al Teatro Asioli di Correggio e al Teatro Valli di Reggio Emilia. Nel messaggio di saluto di fine anno Luciano annuncia che molto probabilmente si riaffaccerà ancora in tour anche per il 2009.

Presto detto, presto fatto, Luciano torna ad esibirsi per 4 date europee(Barcellona,Londra,Olanda,Parigi) a fine maggio 2009. Partecipa al singolo “Domani 21-04-09” insieme ad altri artisti italiani per l’Abruzzo, violentemente colpito da un terremoto. Nei primi giorni di giugno viene pubblicato un nuovo cd+dvd live registrato all’Arena di Verona  tra settembre ed ottobre 2008. A settembre Luciano torna all’Arena per un’altra serie di date solo con la band (il 19 e 20 settembre) e con Orchestra (dal 24 settembre fino ad Ottobre).

Il 6 giugno 2010 avviene il raduno ufficiale del “Bar Mario” al Palapanini di Modena. A marzo viene rivelata l’uscita del nuovo album atteso il 7 maggio 2010. Successivamente il 15 aprile 2010 si svolge il “Ligabue Day” con la diretta contemporanea del concerto inedito “Olimpico 2008” e nuovo singolo in anteprima , “Un colpo all’anima” in oltre cento cinema. Lo stesso giorno vengono annunciati, titolo dell’album , (Arrivederci Mostro) copertina , tracklist e la nuova data di uscita, 11 maggio 2010 , a 20 anni esatti dal primo album omonimo.
Arrivederci Mostro
Il Tour di supporto “Ligabue Stadi 2010”  inizia il 9 Luglio 2010 dallo Stadio Olimpico di Roma, facendo tappa anche allo Stadio San Siro di Milano con due date (anche Roma viene raddoppiata) poi è la volta di Firenze, Messina, Padova, Pescara ed infine una data “speciale” ad Oristano (Aeroporto Fenosu) il 7 agosto, che segna la prima partecipazione di Luciano ad un festival dedicato interamente alla Sardegna.  A Settembre riparte il tour con date a Bologna e Bari e Torino. A fine settembre vengono annunciati ulteriori concerti nei Palasport mentre a novembre esce una versione particolare dell’album intitolata “Arrivederci Mostro, tutte le facce del mostro“. Il cofanetto contiene l’album in versione acustica , un dvd del tour e la versione originale dell’album stesso.

Nella metà di Gennaio 2011 inizia il tour teatrale . Il 16 Luglio 2011 si svolge uno degli eventi più importanti per la musica italiana ovvero il “Campovolo 2.011” con oltre 100 mila spettatori.

campovolo2011

Nel novembre dello stesso anno viene insignito del premio Tenco, mentre il 22 dello stesso mese esce triplo Cd “Campovolo 2.011” contenente oltre all’intero concerto, anche tre inediti. Il 7 dicembre arriva nei cinema il primo “film in 3d” di Luciano riguardante sempre l’evento “Campovolo 2.011“.  Nel Maggio 2012, torna con il mini-tour “Sotto Bombardamento 2012” composto da 5 date tra Italia ed Europa. Il 25 giugno si esibisce allo Stadio Dall’Ara per l’evento “Emilia Live” a sostegno delle vittime del terremoto che tra Maggio e Giugno ha colpito l’Emilia Romagna. Il 22 settembre dello stesso anno si svolge al Campovolo, “Italia Loves Emilia“, evento voluto fortemente da Ligabue, anch’esso in favore delle vittime del terremoto in Emilia.  Per l’occasione Luciano duetta con i Litfiba con il brano “Tex” e con Zucchero con “Non è tempo per noi” oltre al singolo “A muso duro“, brano di Pierangelo Bertoli, re-inciso dagli artisti che hanno partecipato all’iniziativa. Dell’evento viene pubblicato un cofanetto con
4 cd più 2 Dvd.

mondovisione-front-ligabue

Nel 2013 il “Liga” torna in concerto prima con 2 date al Royal Albert Hall di Londra e successivamente al Raduno del Fan Club alla fiera di Bologna svoltosi il 16 giugno. Vengono annunciate 6 date all’Arena di Verona (in settembre). Viene ufficializzata l’uscita di un nuovo album di inediti in Novembre 2013 e il tour 2014 negli stadi.

Nel febbraio 2014 partecipa come super ospite al Festival di Sanremo. A fine marzo parte il tour “piccole città”, preludio del tour negli stadi previsto tra maggio e giugno.

Comments are closed.