Non ho che te

L’inferno è solamente una questione temporale

a un certo punto arriva, punto e basta

a un certo punto han chiuso l’ingresso principale

e han detto avete perso il posto

è vero il mio lavoro è sempre stato infame

ma l’ho chiamato sempre il mio lavoro

e ci han spostato sempre un po’ più avanti la pensione

ma quello adesso è l’ultimo pensiero

Non ho che te, non ho che te

ti chiedo scusa se ti offro così poco

non ho che te, non ho che te

volevo darti tutto ciò che avrei dovuto

volevo darti tutto ciò che avrei voluto

L’inferno è solamente una questione personale

all’improvviso il posto che frequenti

in banca son gentili ma non mi danno niente

la stessa gentilezza del serpente

i giorni sono lunghi, non vogliono finire

le luci sono quasi tutte spente

il sindacato chiede un’altra mobilitazione

per quelli che ci sono ancora dentro

Non ho che te, non ho che te

che cosa ho fatto per meritarmi tanto

non ho che te, non ho che te

ti chiedo scusa se non ti darò abbastanza

ti chiedo scusa se ti chiederò pazienza

L’altro giorno ho visto il titolare

aveva gli occhi gonfi, la giacca da stirare

mi ha visto, si è girato, stava male

aveva gli occhi vuoti, la barba da rifare

L’inferno è solamente una questione di calore

com’è che sento il gelo nelle ossa

che cosa te ne fai di un uomo che non ha un lavoro

di tutti quei vorrei però non posso

vedessi quanto buoi sotto questo sole

ma è molto meglio se non vedi niente

vedessi dove arrivano i pensieri di qualcuno

vedessi amore come fan spavento

Non ho che te, non ho che te

ti chiedo scusa se ti offro così poco

non ho che te, non ho che te

volevo darti tutto ciò che avrei dovuto

Non ho che te, non ho che te

che cosa ho fatto per meritarmi tanto

non ho che te, non ho che te

ti chiedo scusa se non ti darò abbastanza

ti chiedo scusa se ti chiederò pazienza

2 thoughts on “Non ho che te

  1. Bene, dai… “Tafazziamoci” come si deve…
    Tagliamoci le vene.

    Io non ho mai visto ne Ligabue, ne altri cantanti, UNA dico UNA VOLTA in prima fila in una manifestazione per chi difende il posto di lavoro.

    Vedo solo sempre uomini, donne, Vecchi… e poliziotti a manganellare.
    Magari ci fosse in prima fila una volta anche chi fa i soldi cantando della loro situazione (Sucusa Liga,a rrivi con 7 anni di ritardo… è dal 2008 che stiamo smantellando le industrie).

    Molto comodo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *